giovedì 27 febbraio 2014

Matrimonio: allestimenti vintage ecologici

                                                                                                        
Oggi vi parlo di un'artista della carta che mi ha incantato alla fiera "Abilmente" di Vicenza.E' Alessandra Fabre Repetto. Le sue creazioni sono di una tale grazia e delicatezza, che è stato amore a prima vista.Passando tra i suoi allestimenti mi sembrava di passeggiare in un bosco.In più, essendo tutto in carta pesta (penso?) si tratta di carta recuperata e riciclata che nelle mani di questa artista prende vita e la forma di fiori delicati.
Nelle foto la mise en place per un matrimonio in stile bohemienne.





                                                          una bellissima teiera vintage




bouquet




collana


Altalena


Bomboniere poco a fuoco, ma non potevo non metterle.sono belle anche così...


Orecchini



                                                                      bomboniera






Foto: by me.
A presto!






venerdì 14 febbraio 2014

Il Sapone di Marsiglia: saponificio Marius Fabre


                                                                                                                                                                             Sono rimasti pochi saponifici che producono il vero sapone di Marsiglia, uno di questi è l'antico saponificio Marius Fabre di Salon de Provence.Per essere sapone di Marsiglia deve contenere solo olio di oliva e soda, non altri oli di origine animale o profumi o materiali di origine sintetica.
Già nel 1688 fu sancito con un'editto del Re Sole che "non si potrà utilizzare nella fabbricazione di sapone, insieme alla soda o cenere, nessun grasso, burro nè altro materiale; ma soltanto puro olio di oliva e senza mescolanza di grasso, a pena di confisca delle merci".

Purtroppo adesso molti dei saponi spacciati per sapone di Marsiglia provengo da altri paesi e contengono oli e materiali di origine sintetica e/o animale.Al punto che molte delle fabbriche locali hanno dovuto chiudere in mancanza di una denominazione protetta che li avrebbe dovuti tutelare da questa globalizzazione selvaggia di contraffazioni, che soffoca l'artigianato e prodotti storici.E questo non vale solo per i prodotti francesi ahimè. Ecco mi è scattata la polemica, ma quando ci vuole ci vuole..
Quindi meglio andare direttamente in una delle poche fabbriche che lo producono oppure acquistarli on line, piuttosto che prendere un "Falso" sapone che contiene parabeni e chissà cos'altro...
Oppure se vi piace il fai da te, in questo sito Link trovate non solo la ricetta per fare il sapone di Marsiglia ma anche altre ricette per creme e altri detergenti ecologici.
In uno dei miei girovagare per la Provenza, a due passi dalla stanza dove alloggiavo c'era il saponificio Marius Fabre , un posto speciale che sicuramente merita una visita e non solo per acquistare il sapone ma anche per visitare il piccolo museo con gli antichi stampi e macchinari, per respirare un'atmosfera d'altri tempi dove ancora le cose vengono fatte come si deve.
Ancora seguono l'antica ricetta utilizzando solo olio d'oliva biologico e qui link danno indicazioni sui moltissimi utilizzi del sapone di Marsiglia.Ve ne riporto qualcuno davvero utile:

  • per afidi e cocciniglia spruzzare sulle piante una miscela di 20-30gr di sapone di marsiglia liquido in 1lt d'acqua.(dosi consigliate dal vivaio La Campanella).Trattamento da ripetere per avere efficacia.
  • balsamo per capelli secchi: cento grammi di sapone di marsiglia grattuggiato, tre cucchiai di olio di mandorle e tre cucchiai di germe di grano
  • shampo per capelli: una parte di sapone di marsiglia grattuggiato e tre parti di acqua bollente.Risciacquare con acqua e aceto bianco.
  • detersivo : una parte di sapone di marsiglia e tre parti di acqua bollente.Aggiungere qualche goccia di olio essenziale ad esempio Lavanda, se si vuole un gradevole profumo.
  • detersivo per pulizie: 50gr di sapone di marsiglia in scaglie e 1Lt di acqua bollente, olio essenziale alla lavanda o altra essenza.Immergetevi il panno.
 Credits: Marius Fabre ; Greenme ;Soluzioni di casa ;La CampanellaGli Alchimisti





Ne ho preso solo...un paio di chili...non si sa mai, un'attacco massiccio di afidi e cocciniglie eh he he

















Photo: by me

A presto!



martedì 11 febbraio 2014

Happy Blog!

E si , si festeggia, un'anno di blog!E' già passato un'anno da quando ho iniziato questa folle avventura e vorrei ringraziare di cuore le altrettanto folli che ogni tanto vengono a sbirciare i miei post (ammettendo che qualcuno mi segua!!Altrimenti..vabbeh non sarebbe la prima volta che parlo da sola....).Per l'occasione ho creato la pagina Facebook de Il Giardino del Brocante, dove al momento ho ben 4 amici (pochi ma buoni!!) , e nella speranza che qualcuno si accorga della mia esistenza eh he ecco il link Facebook Il Giardino del Brocante .




Comincerei con un posticino che amo e dove piove raramente...la Provenza!
Ma quanto sono belli questi vecchi letti in ferro riciclati a divanetti!Chiudo gli occhi e sono li...









                                                                 Photo's : by me
                                                                       
                                                                    A presto!



lunedì 10 febbraio 2014

Jardiniere



                                 Vasi vasi vasi 
in pietra naturale, in tufo, in carparo, in ceramica, ghisa, terracotta o d'Anduze.
                                 Vasi d'Anduze
La leggenda vuole che nascano nel Rinascimento dal sapiente lavoro di un vasaio francese che dopo aver visto dei vasi in terracotta medicei con bellissime ghirlande li volle riprodurre con la rossa terra del piccolo villaggio del Gard, Anduze.









In Provenza ho preso delle riproduzioni dei vasi d'Anduze in un atelier molto molto carino
dove oltre a comprare dei bei vasi si poteva fare anche uno spuntino visto che era anche bistrò.






i due vasi che ho preso








                                                            
                                                                    I vasi in pietra


















E poi i vasi in ghisa che adoro.La ghisa è una lega formata da ferro e carbone ed è stata utilizzata in modo massiccio dalla seconda metà dell'800 in quanto a differenza del ferro che richiedeva la forgiatura di ogni singolo pezzo, la ghisa si lavorava per fusione e quindi con degli stampi si potevano fare facilmente più copie. Un posto che meriterebbe una visita è il Museo della Ghisa link a Longiano.













I vasi in terracotta.


















                                                           Molto carini dipinti shabby.link

Oppure antichizzati con lo yogurth e lasciati all'aperto all'ombra per creare uno strato di muschio che li antichizza.Come? Ecco passo passo come fare link  link2.










                                                                 Vasi in ceramica










Vasi in ferro





                                                          I bellissimi vasi siciliani testa di moro. 
La legenda narra che intorno al 1100 una bella fanciulla intenta a curare le sue piante in giardino fu notata da un Moro che le dichiarò il proprio amore.Lei lo ricambiò, ma quando scoprì che stava per ripartire alla volta della sua terra dove già aveva una famiglia, gli tagliò la testa e ne fece un vaso dove vi piantò del basilico.E divenne talmente rigoglioso che tutti vollero avere dei fasi con la forma di testa di moro.
Le belle teste di moro siciliane le ho prese qualche anno fa a Palermo e a Marettimo. Una delle cose belle dei viaggi è riportare a casa oltre ai tanti bei ricordi anche degli oggetti speciali che raccontano una  storia e che hanno tutto un'altro sapore, ogni volta che li guardi ti riportano in viaggio...

Teste di Moro siciliane Marettimo

Teste di moro





Vasi in legno



Vasi in latta 







Foto by Pinterest and by me.
                                                                 A presto!