domenica 21 settembre 2014

Pacchetti regalo, etichette, fiori ed erbe


Giornata alle prese con pacchetti, etichette, rose ed erbe. 

Questo fine settimana sono stata a Kreativ, la fiera della creatività a Bolzano e all'insegna dello shopping compulsivo ho preso un paio di cosette..lo so non avrei dovuto.. ma non ho resistito...
Ho incontrato delle bravissime creative di Bolzano di cui vi racconterò in un prossimo post, che da sole valevano la pena di andare alla fiera.
La cara amica con cui sono andata, all'inizio ha provato a chiedermi, ma con questo cosa pensi di farne, o ma a cosa serve?Mah sicura?Poi ha rinunciato sentendo le mie risposte che andavano dal, boh, al non so mi verrà in mente.In realtà come al solito prendo delle cose che mi ispirano, e chiaramente non ho la più pallida idea di cosa farne e probabilmente alcune cose le utilizzerò tra un bel pò di tempo... tendente al mai...Amica mia, grazie per avermi sopportato;-)


Oggi non vedevo l'ora di provare tutto e reflex alla mano ho fatto qualche prova di pacchetti con etichette, timbri, ciondoli, fiori ed erbe.

Per incartare, l'intramontabile carta pacchi.

Ne ho approfittato per decorare con le mie care rose, a sinistra nella foto una rosa nostalgica arbustiva.


Ovviamente cosa mettere sull'etichetta se non un ciondolo a forma di rosa...ed il timbro con le foglioline 


Gufetto con timo e timbro con uccellino.Dolcissimi il gufetto e l'uccellino...


                                E che ne dite di questo timbro? DREAM VINTAGE. Forever!!!
                                       Con un'altra delle mie piantine: i fiori di solanum.




                                                Il timbro con la libellula e l'inchiosto lillà.




Timbri Farfallina e libellule 



Inchiostro verde con mentuccia e lavanda


                                                           Solo merletto e sancarlino









Con le mie roselline SuperExcelsa raccolte oggi




DREAM.....





E che ne dite della chiave? 


Anche il ciondolo con l'orologio è proprio carino



Ecco alcuni dei miei acquisti alla fiera.




Che ne dite, vi piacciono i pacchetti con tags, fiori ed erbe aromatiche?

Photos by me

A presto!




giovedì 18 settembre 2014

Argenti, Ghirlande e Fiori sulla tavola

Adoro queste piccole coppe in metallo argentato, è uno di quegli oggetti senza tempo.
Risalgono sicuramente a tempi precedenti agli antichi romani, ne sono stati ritrovati di bellissimi a Pompei adesso al Museo Archeologico di Napoli e molto utilizzati dalla metà del 700 con l'incisione delle iniziali.
Li troviamo nei quadri di Chardin al Louvre e al P.Getty Museum. Tuttora in Francia sono un regalo classico, con le iniziali, per un battesimo. In francese Gobelet o Timbale argentè.

Mi sono innamorata del Timbale nella foto, con quei disegni floreali delicati e le iniziali.
Tanto per cambiare mi piace riutilizzarlo nel modo che più preferisco... come portafiori, portapiante.

Comincio a rendermi conto che sono sempre più malata e monotona, riutilizzo tutto quasi sempre mettendoci in mezzo piante e fiori.Ok, vero, allora felice di essere malata di fiori, di verde ehehe

Anche le teiere o brocche in metallo argentato mi piacciono sulla tavola, ovviamente con cosa? ...ça va sans dire...fiori fiori fiori.



Magari tutto intorno una ghirlanda di edera, facilissima da comporre.Basta trovare dei rami di edera in campagna, tagliarli lunghi quanto basta per fare un cerchio completo della dimensione desiderata o anche più corti, basta poi legarli con dello spago.Nel mio caso l'edera era molto flessibile e sono riuscita a creare la piccola ghirlanda delle foto senza neanche utilizzare lo spago, ma semplicemente intrecciando un poco i rami.
Tra l'altro l'edera dura parecchi giorni prima di appassirsi, la ghirlanda nelle foto l'ho fatta una settimana fa ed è ancora bellissima e decorativa.
Un'idea per utilizzarla, come nelle foto, intorno alle teiere sulla tavola o al vostro vaso di fiori.
Mi piace anche mettere sotto un vecchio vassoio specchiato, che riflette i fiori e l'argento che brilla.

Insomma qualsiasi vecchio oggetto può nascondere una nuova vita, basta guardarli con occhi diversi e con la voglia di averli in qualche bell'angolo in casa invece che impolverati e sprecati in cantina.



Teiere argentate centrotavola













 















I protagonisti: dianthus rosa, sancarlini bianchi, lisianthus violetti e bianchi, camomilla, peperomia rotundifoglia.

Photos by me.

A presto!




domenica 7 settembre 2014

Vecchie bottiglie di profumo come centrotavola

Eccomi, era un pò che non scrivevo, insomma ero nel bel mezzo della famosa pagina bianca che mi guardava... forse avevo solo bisogno di ricaricare le pile.E cosa c'è di meglio per ricaricarsi se non stare in un posto pieno di sole, luce, salsedine, arte e ...rigattieri. Si avete letto bene, rigattieri, ed ecco che con la macchina strapiena di tutta l'attrezzatura da campeggio, ho infilato anche questi due stupendi vecchi banchi di scuola colore celeste pastello.
Ho pensato di riciclarli così insieme a delle vecchie bottiglie di profumo francese come centrotavola.
E pensare che è stata Caterina dei Medici a portare la cultura dei profumi in Francia insieme al suo profumiere Tombarelli, quando sposo' Enrico II di Francia.Si perchè lanciò la moda dei guanti in pelle profumati.Diede un tale impulso all'utilizzo dei profumi che la città di Grasse, che leggete sulle vecchie etichette nella foto, specializzata inizialmente in attività di conceria divenne il centro dell'industria profumiera francese.
Tuttora a Grasse potete visitare l'interessante Museo del Profumo all'interno degli stabilimenti della Fragonard.
Fabrique des Fleurs -Museo del Profumo

Alcune delle bottiglie sono del fabbrica Jean Giraud Fils fondata nel 1853 a di Grasse.





                                                 
                                                                Photos by me.

                                                                  A presto!